Ricetta “fusilloni al bambù”

Passeggiata domenicale fuori porta: in un giardinetto in Brianza, una macchia di bambù gigante attira la ns. attenzione. Una miriadi di turgidi germogli spuntano tutt’ intorno: ecco un’idea per una ricetta insolita.

Sbollentare una decina di germogli privati delle foglie esterne in abbondante acqua salata, per 3 minuti. Tagliarli a pezzetti e farli saltare per pochi minuti, con scalogno, dadini di pomodorini Pachino, mezzo cucchiaino di curcuma, 3 cucchiai d’olio extra-vergine, un peperoncino, sale q.b. Quando i fusilloni cotti in acqua salata sono al dente, cuocerli per un minuto a fuoco vivace con i germogli e pomodorini . Un primo piatto squisito ed inatteso ( foto Aria Luce).

Chi volesse acquistare le piante madri di bambù gigante da trapiantare a settembre, può farne richiesta al sottoscritto cell. 3701323488

fornitura Vecchi

Stevia in beneficenza

La campagna 2018 sta dando buoni risultati nonostante il comprensibile scetticismo di molti agricoltori per una coltura pressochè sconosciuta in Italia.

Abbiamo voluto lasciare l’ultimo lotto di 8.000 piantine di stevia ibrida ad alto contenuto di Reb-A da destinare in beneficenza a favore di un’ azienda agricola che svolga attività di solidarietà sociale ovvero utilizzo di persone disabili, recupero di giovani con problematiche diverse, attività di volontariato e/o scopi affini.

Chi fosse interessato deve avere  800/1.000 mq di terreno irriguo libero per trapiantare il lotto di 8.000 piantine ( 12 x mq.) e farne richiesta (cell.3701323488  mail stevia1949@gmail.com )

La fornitura delle piante è gratuita e comprende anche l’ assistenza agronomica.

La coltivazione di questa pianta erbacea che i paraguayani chiamano “erba dolce” è semplice e cresce facilemente su terreni fertili da medio-impasto a sciolti e con un’ oculata irrigazione.

Colgo l’occasione per ricordare a tutti gli agricoltori che è assolutamente importante iniziare quest’ anno la sperimentazione su aree pilota, perchè le foglie secche di stevia sono pagate in base al contenuto di Rebaudosina-A ( dolcificante) che varie secondo le condizioni pedo-climatiche delle Vs. Aziende. Solo così potrete ragionevolmente decidere quanti ettari fare nel 2019 garantendovi una redditività di 13.000€-18.000€ per ettaro a seconda che , in base all’ andamento climatico , facciate due o tre raccolti.

italstevia con fondo quadroConcludo sottolineando che Ital Stevia pone grande attenzione alla sostenibilità e alla responsabilità sociale d’impresa. Con questo piano agro-industriale, in collaborazione con Stevia Natura FR, vogliamo contribuire in modo tangibile alla diffusione della stevia MADE IN ITALY ed indirettamente alla lotta all’ obesità e diabete con questo dolcificante naturale ed a ZERO CALORIE.

Se non personalmente interessati, condividete questo post con i vs. contatti, darete comunque un contributo alla causa.

Stevia: Trapani – Rimini 1 a 1

E’ da quest’inverno che con mal celata impazienza aspettavamo questo momento: la messa a dimore, in pieno campo, delle ns. dolci piantine.

Casualmente oggi , in contemporanea in provincia di Trapani ed in quella di Rimini, due aziende agricole hanno incominciato il trapianto. Come noterete dalle foto qui sotto,  la prima ha seguito il Ns. disciplinare, pacciamando con sotto le ali gocciolanti, la seconda nel cesenatico, ha deciso di optare per una coltura con diserbo manuale ed irrigazione , con botte, di soccorso: essendo le prime aree pilota abbiamo lasciato libertà d’azione. Il bello di questa coltivazione è che fra circa cinque mesi sapremo già chi ha avuto ragione !!!

Altre Aziende nelle province di AG – SR – AN – GO inizieranno i trapianti nei prossimi giorni.

Se trovate interessante quest’ articolo e la promozione della coltivazione della stevia MADE IN ITALY, condividetelo con i vs. contatti, grazie.

dav

piantumazione ciro 1

 

Piantine di stevia: strapazzate ma felici !

Non sempre gli agricoltori sono pronti a ricevere le piante di stevia, nella giusta tempistica, dal vivaio a pieno campo. La pianta allora tende a radicarsi nel vassoio ma con un pò di forza bruta ” CONTROLLATA” si ottengono buoni risultati senza danneggiare la vegetazione. Le piante verranno poi portate in pieno campo per la messa a dimora: strapazzate ma al fine felici !!! vedi video

estrazione piantine stevia

Stevia: pacciamatura in corso

Come Ital Stevia stiamo seguendo e dando consigli agli agricoltori che dalla Sicilia al Friuli, stanno preparando i terreni con la pacciamatura, per accogliere le Ns. piante madri di stevia F1 ad alto contenuto di Reb-A.

Nel video allegato si notano le ali gocciolanti stese in precedenza per permettere la ferti-irrigazione, e la stesura meccanica del telo di pacciamatura. In questo caso, trovandoci al Sud, più precisamente nel Trapanese, la pacciamatura è bianca e sotto nera.

La pacciamatura anche se costituisce agli inizi un costo aggiuntivo, è utile per il controllo dell’umidità del terreno e per il contrasto alle erbe infestanti che possono costituire un problema all’ atto del raccolto andando a mescolarsi con l’ ” ERBA DOLCE ” ovvero la stevia .

PACCIAMATURA DELLA STEVIA

ITAL STEVIA

 

Era l’ora…cimatura della stevia

Il piano agro-industriale della stevia MADE IN ITALY ad opera di Ital Stevia sta proseguendo con successo ed a ritmo serrato: il clima caldo in tutt’ Italia e le Ns. attente cure, sono graditissime alle “dolci” piantine.

Come previsto dal Ns. programma abbiamo provveduto a cimare, in automatico, le piantine in vivaio onde dare un’ incombenza in meno agli agricoltori che stanno ricevendo la stevia.   Inoltre tale pratica stimola la ramificazione della pianta a tutto vantaggio di una futuribile maggiore bio-massa.

Per gli ultimi indecisi, sono disponibili i nuovi lotti di piantine pronte per il trapianto in partite da 80.000 piante ( un ettaro ) e 40.000 piante ( mezz’ettaro ) 8.000 piante (1000 mq. ) per consegne entro metà maggio.

Ricordiamo che la stevia è una coltura redditizia e poco esigente:

  • terreni da medio-impasto a sciolti
  • acqua poca
  • pacciamatura e ali gocciolanti consigliate
  • spese gestione ridotte al controllo coltura e raccolta

Ital Stevia fornisce piante madri ibride ad alto contenuto di Reb-A, metodo coltivazione, centralina elettronica per tele-controllo gratuita per 2018 ed impegno ritiro prodotto. INFO 3701323488

vivaio Francesco 2

Stevia nel ns. vivaio nel Trapanese

Stevia IT alla ribalta su Rivista Ambiente

Con il Patrocinio del Ministero dell’ Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Miistero delle Politiche Agricole e Forestali, la prestigiosa rivista ” AMBIENTE ” in versione on-line e cartacea espone un interessante articolo sulla

STEVIA MADE IN ITALY

La rivista cartacea è diffusa presso Organismi, Enti ed Asssociazioni che si occupano di Ambiente, Ecologia, Energie rinnovabili e presso gli Assessorati Ecologia di oltre 20.000 Comuni italiani.

Con l’ adesione di coltivatori non solo siciliani, le piantagioni si stanno diffondendo anche nelle Marche e Romagna: segno tangibile che le potenzialità del progetto “stevia made in Italy” stanno riscuotendo un sempre maggiore eco di consensi !!!

La stevia cresce rigogliosa in ITALIA

Il vivaio di piante madri realizzato da Ital Stevia nel trapanese sta dando ottimi risultati. Sono iniziate in questi giorni le operazioni di ripicchettaggio per formare vassoi omogenei di 104 piantine l’uno.

vivaio TP 2

A fine aprile inizieranno le consegne alle aziende che hanno prenotato le piante madri ibride. Queste imprese daranno vita ad aree pilota nelle province di Trapani, Agrigento, Catania, Fano e Rimini per passare nel 2019 a colture estensive di stevia su più ettari.

Come si può constatare leggendo anche i precedenti post, le piantagioni da Trapani si stanno propagando in altre regioni del Centro/Nord Italia. Piantagioni hobbistiche sono in atto da oltre 3 anni nelle zone di Pinerolo in provincia di Torino, questo a riprova che con alcuni accorgimenti ( teli bianchi e pacciamatura ) la stevia può superare inverni non eccessivamente rigidi ma tranquillamente temperature a -4° / -5° C.

In Sicilia siamo fiduciosi che dal secondo anno si possa arrivare facilmente a 2,5/3 raccolti all’ anno , andando ben oltre la redditività di 13.000 € di media annuale attesa per ettaro per un ciclo di quattro anni e con contenuti costi di gestione.

vivaio TP 1

Si ricorda che oltre alle piante ibride vengono fornite agli agricoltori tutte le note colturali, una centralina in comodato per il controllo degli stress idrici, un impegno al ritiro del prodotto.   INFO: Dott. Massimo Somaschini 3701323488

Stevia: 5.000 mq. di felicità

A seguito del successo che sta ottenendo questa coltivazione ho deciso di abbassare a 5.000 mq. la superficie minima delle aree pilota su cui iniziare la coltivazione di stevia riducendo di conseguenza i costi iniziali.

L’ investimento è di 6.000 € per 40.000 piante madri ibridi industriali e centralina di monitoraggio, fornite dal Consorzio Ital Stevia che dà anche assistenza agronomiche e ritira il prodotto a partire da settembre/ottobre di quest’anno .

Le aree test sono fattibili in tutt’ Italia ( min.temp. 3°/4° C) con redditività di 6.500 € all’ anno ( calcolata su 1/2 ettaro) , valore medio, per quattro anni : tanto dura il ciclo produttivo della stevia prima di essere rinnovata con un altro trapianto di giovani piantine. I costi di gestione sono modesti essendo le piante pacciamate ed irrigate a goccia, per cui l’impegno maggiore sono alcune giornate/ettaro per la raccolta ed essicazione al sole, delle foglie.

essicazione al sole BR

Queste aree pilota servono per stabilire, già da quest’ anno, la percentuale di glucosidi steviolici presenti nelle foglie secche di stevia: con questa percentuale si calcola il prezzo con cui verrà pagato il raccolto ed è fortemente influenzata dalle condizioni pedo-climatiche aziendali e dall’ oculata gestione degli stress idrici delle piantine di stevia da cui l’ utilità delle centraline elettroniche di monitoraggio. Questo test costituisce il primo passo per avviare, consapevolmente, colture estensive su più ettari nel 2019.
Concludendo possiamo affermare che la stevia rientra a pieno diritto fra le piante adatte a diversificare le produzioni agricole introducendo una coltura estensiva, agronomicamente facile ed ad alto reddito. D’ altro canto, il mercato di sbocco della stevia, è già aperto e pronto per essere sfruttato anche dagli agro-imprenditori italiani. Vedi

I Pionieri della Stevia

Sveglia I T A L I A !

PureCircle raddoppia la piantagione di stevia

stiamo perdendo tempo a discutere se vale la pena piantare la stevia, intanto i malesi di Pure Circle alleati delle Multinazionali dei soft drinks invadono per un migliaio d’ ettari la Nord Caroline US : i dettagli nel link di seguito

EFA News

Il Gruppo Ital Stevia, fornisce a chi vuol investire, le piante madri ibridi industriali, il know-how agronomico, il monitoraggio telematico delle coltivazioni, il ritiro del prodotto.

italstevia con fondo quadro

Info 3701323488