Illuminazione a LED ad investimento zero si può ?

Le E. S. Co. ovvero le società al Servizio dell’ Energia attive nei settori quali fotovoltaico, bio-masse, eolico stanno muovendosi anche in progetti di ottimizzazione dei consumi elettrici tramite la conversione a LED degli impianti di illuminazione.

Una di queste la Time Led srl ha attirato la mia attenzione per il suo approccio innovativo che può essere di grande aiuto in campo commerciale, industriale ed agricolo.

L’ illuminazione di uffici, fabbriche, magazzini di lavorazione e stoccaggio, vivai e coltivazioni di ortaggi e primizie a foto-periodismo modificato, richiedono grandi consumi energetici, che spesso scoraggiano l’installazione di impianti illuminanti od il loro ammodernamento.

La Time Led che opera in collaborazione con la Ideallux unica fabbrica di LED “made in Italy” (di altissima qualità rispetto a materiale cinese) propone un noleggio operativo per 4-5 degli impianti illuminanti compresa messa in opera al termine del quale l’illuminazione resta al Cliente.

Dopo un’analisi gratuita e personalizzata del parco illuminante aziendale, viene elaborata una proposta con impianti a LED che da subito, comportano risparmi energetici effettivi e comprovabili dell’ ordine del 60%-70%.

In sintesi, senza esborso alcuno, ma con il risparmio dato dall’attuale costo dell’energia elettrica,  è possibile autofinanziare totalmente il nuovo impianto di illuminazione a LED ed avere un’ulteriore sgravio significativo in bolletta già nell’immediato.

la formula NOLEGGIO OPERATIVO permette di :

  • dedurre al 100% l’intero canone di noleggio
  • non versare nessun anticipo
  • non impegnare le linee di credito ( a differenza di un Leasing o Finanziamento)
  • non immobilizzare le risorse finanziarie
per approfondimenti Dott. Massimo Somaschini cell. 3701323488 da lunedi a venerdì

referenze

Ricetta “fusilloni al bambù”

Passeggiata domenicale fuori porta: in un giardinetto in Brianza, una macchia di bambù gigante attira la ns. attenzione. Una miriadi di turgidi germogli spuntano tutt’ intorno: ecco un’idea per una ricetta insolita.

Sbollentare una decina di germogli privati delle foglie esterne in abbondante acqua salata, per 3 minuti. Tagliarli a pezzetti e farli saltare per pochi minuti, con scalogno, dadini di pomodorini Pachino, mezzo cucchiaino di curcuma, 3 cucchiai d’olio extra-vergine, un peperoncino, sale q.b. Quando i fusilloni cotti in acqua salata sono al dente, cuocerli per un minuto a fuoco vivace con i germogli e pomodorini . Un primo piatto squisito ed inatteso ( foto Aria Luce).

Chi volesse acquistare le piante madri di bambù gigante da trapiantare a settembre, può farne richiesta al sottoscritto cell. 3701323488

fornitura Vecchi

Antonella Clerici RAI 1 e il bambù gigante

Tempo fà , in attesa di pranzare , facevo zapping fra i canali tv e sono capitato sulla “prova del cuoco” condotta dalla spumeggiante Antonella Clerici.

Durante la trasmissione c’ è stato un lungo passaggio

agro-gastronomico sul bambù gigante e sulle ricette fattibili

con i suoi gustosi germogli: da vedere !!!

clicca qui

 

Bambù gigante batte mais 1 a 0

E di oggi la notizia della Coldiretti che il mais sta quotando 0,18 € al chilo contro 0,195 al chilo di quello extra-comunitario, l’ ennesimo “schiaffo” agli agricolori italiani. Non và meglio con il pomodoro che si regge sui contributi comunitari , sottoquotato rispetto a quello marocchino. Ne ho avuto conferma diretta dai produttori di Vittoria e Pachino nel ragusano, durante un mio viaggio a gennaio per promuovere il bambù gigante.

In Cina, con una popolazione di oltre un miliardo di persone da sfamare, troviamo 34 milioni di ettari a mais contro i 7 milioni, un quinto circa, a bambù gigante : Perchè non provare a diversificare con pochi ettari di bambuseti le enormi estensioni a mais ? In Italia attualmente il rapporto è lo 0,15% di superfici a bambù gigante rispetto al granoturco e con redditività attese dieci volte superiori!